La Cardiologia Ospedaliera “Luigi Colonna” dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico di Bari. Non solo degenza e ambulatori

Riccardo GuglielmiDott. Riccardo Guglielmi, Direttore U.O.C. Cardiologia Ospedaliera AOU Policlinico di Bari

La Cardiologia Ospedaliera “Luigi Colonna” del Policlinico di Bari, negli ultimi anni, ha puntato alla valorizzazione e alla crescita delle risorse umane a disposizione non solo sul piano professionale, con tecnologie all’avanguardia e umanizzazione delle cure, ma anche – essendo sostanzialmente precluso l’impegno didattico alla componente ospedaliera nei corsi di laurea universitari – sull’educazione e prescrizione di corretti stili di vita nella scuola dell’infanzia e media.

Nel 2014 è andato a buon fine un progetto dal titolo “Proteggi il cuore di tuo figlio. Cominciamo dalla scuola”.

Obiettivo principale è implementare la cultura della prevenzione delle malattie cardiovascolari, cominciando sin dall’infanzia, nella scuola primaria e nella secondaria per ragazzi più grandi, attraverso l’informazione e la comunicazione di messaggi personalizzati per fascia di età.

Educazione alimentare, lotta ai fattori del rischio cardiovascolare (colesterolo, ipertensione) attraverso l’educazione alimentare e l’attività fisica per i più piccoli e i genitori, lotta all’alcol e al fumo per i più grandi: sono stati questi gli argomenti che i medici della Cardiologia Ospedaliera hanno presentato nelle scuole, con l’ausilio di elementi grafici e informatici preparati ad hoc. Agli studenti più grandi sono stati illustrati gli elementi di formazione per l’attivazione della catena della sopravvivenza in caso di arresto cardiaco, massaggio, respirazione e defibrillazione.

Nel 2014 la Cardiologia ospedaliera è stata trai banchi, nel corrente anno le porte del reparto sono state aperte alla scuola.

Nell’ambito della “Settimana del Cuore, giornate di Cardiologia aperta”, l’iniziativa indetta dall’ANMCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri) e dalla fondazione “Per il tuo Cuore – HCF onlus”, la nostra U.O.C. di Cardiologia ospedaliera ha organizzato due eventi “Da grande vorrei prendermi cura del Cuore” e “La corsa del Cuore”.

guglielmi-1

Fig. 1

Il primo evento, iniziativa unica e mai adottata da un’Azienda sanitaria, è stato esclusivamente riservato ai giovani dell’ultimo anno della scuola media superiore, licei e istituti tecnici, che avevano da qualche tempo manifestato ai docenti, il desiderio di continuare gli studi iscrivendosi a una facoltà sanitaria (medica, infermieristica, tecnica). Vista la fattibilità di realizzazione del progetto dopo contatti diretti con i Dirigenti scolastici, ottenute le regolari autorizzazioni dalla Direzione aziendale, l’Unità operativa complessa di Cardiologia Ospedaliera ha aperto le porte a 70 studenti, selezionati e inviati dai presidi e dai docenti preposti all’orientamento universitario delle scuole di appartenenza (Area metropolitana di Bari, sabato 14 febbraio dalle ore 8.00 alle 14.00 e domenica 15 febbraio dalle 10.00 alle ore 13.00).

Gli “aspiranti”, dopo l’accoglienza e l’inquadramento, sono stati divisi in gruppi e sotto attento controllo del Direttore, dei Dirigenti medici e degli infermieri in servizio, nel rispetto dell’etica e della privacy, hanno seguito i percorsi clinici e diagnostici del reparto. Per loro laboratori aperti e fornite spiegazioni sulle procedure diagnostiche che si eseguono in un reparto di cardiologia (elettrocardiografia, ecocardiografia). Gradualmente sono state spiegate e mostrate simulazioni di tecniche di cardiologia interventista (emodinamica, elettrofisiologia, cardiostimolazione).

Con lezioni teoriche in clinica ed esercitazioni pratiche, sono stati illustrati i concetti di sterilità in ambienti sanitari e le manovre d’urgenza. I 70 ragazzi nel corso della prima mattinata, accolti nell’Istituto di Anatomia umana normale dal Prof. Domenico Ribatti, hanno assistito e partecipato a una lezione sulla lotta ai fattori di rischio cardiovascolare, dal colesterolo all’ipertensione. Entrare per la prima volta nella storica aula di Anatomia dell’Università di Bari, vedere nella Cardiologia ospedaliera, come da loro stessi affermato, una “tecnologia da fantascienza” ha suscitato una grande emozione nei giovani.

Ritornati in reparto, gli studenti hanno preso parte a simulazioni di manovre rianimatorie in caso di arresto cardiaco, massaggio, ventilazione, defibrillazione e come in generale attivare una catena della sopravvivenza. Utili messaggi di lotta al fumo e agli stupefacenti sono stati di proposito immessi nel percorso didattico.

guglielmi-2
Fig. 2 Il Dott. Domenico Carretta spiega le manovre rianimatorie in caso di arresto cardiaco

L’obiettivo raggiunto dell’iniziativa è stato quello di attivare l’orientamento per studenti attenti e motivati che intendono proseguire gli studi universitari e iscriversi a una facoltà che permetta loro di svolgere nel futuro, “da grandi”, una professione sanitaria in generale, e cardiologica in particolare. Il team al completo della Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari ha voluto offrire loro la possibilità di un’esperienza unica che potrà meglio influire sulle motivazioni di scelta per professioni dove, oltre alla preparazione teorica e pratica sono necessarie attitudini al sacrificio, alle rinunce.

Domenica 15 febbraio, terminato il percorso didattico, alla presenza di familiari, dell’associazione di volontariato AMA Cuore e del Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, il Dott. Filippo Anelli, è stato rilasciato ai giovani studenti un attestato a ricordo dell’esperienza vissuta. I Dirigenti scolastici intervenuti, i Professori Mario Forenza e Giovanna Palmulli, hanno ringraziato per l’opportunità concessa ai loro studenti che hanno saputo cogliere, per loro stessa ammissione, il messaggio che per ottenere risultati positivi in ospedale è indispensabile lavorare in team, con spirito di servizio, umiltà e umanizzazione.

Complice una splendida giornata di sole, tutti i giovani hanno preso parte al secondo evento “La Corsa del Cuore” svolto con la collaborazione dell’associazione di volontariato accreditata presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico (AMA Cuore) e con le associazioni di sportivi amatoriali. Una passeggiata simbolica nei viali del policlinico, con fermata alla Cardiologia d’urgenza del Pronto Soccorso e alla Centrale operativa del 118. La corsa/passeggiata ha rappresentato un simbolico momento di unione tra operatori, pazienti che hanno ultimato il ciclo riabilitativo dopo il ricovero, famiglie e volontari.

Curare con efficacia, efficienza e con maggiore attenzione all’umanizzazione è il messaggio che i medici e gli infermieri della Cardiologia Ospedaliera dell’Azienda Policlinico di Bari hanno voluto trasmettere ai ragazzi e ai cittadini utenti. Sono state fornite informazioni e date risposte a domande. Materiale divulgativo per la

prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari è stato consegnato ai partecipanti.

guglielmi-3
Fig.3 La consegna degli attestati

La prescrizione di corretti stili di vita (“mangiar sano”, “perché fa bene muoversi di più”, “fumo no grazie”) nella fascia dell’età scolastica e i percorsi di orientamento alla scelta di professione sanitaria per gli studenti della scuola superiore possono rappresentare una nuova arma nella lotta alle malattie cardiovascolari e oncologiche.

Una nazione come la nostra che ha pochissime risorse estrattive, dove l’imprenditoria non riesce a fare un salto di qualità, la politica non sa offrire risposte chiare alle esigenze e alle richieste dei cittadini, le risorse a disposizione in tutti i settori diventano sempre più insufficienti, ha il dovere di valorizzare le risorse umane a disposizione, individuando e formando giovani che sappiano affacciarsi al difficile mondo del lavoro con maggiore entusiasmo, ambizione e voglia di crescere. Investire su chi sogna di voler da grande prendersi cura del cuore degli altri servirà a mantenere giovane e gagliardo il cuore di tutti.

guglielmi-4
Fig. 4 Sulle scale dell’Istituto di Anatomia Umana Normal

Fig. 4 Sulle scale dell’Istituto di Anatomia Umana Normale

Riferimenti bibliografici

D.M. Classi di laurea D.M.509/1999

D.M. Classi di laurea D.M.270/2004 Lauree Triennali Lauree Magistrali

Decreto Interministeriale 2 aprile 2001 “Determinazione delle classi delle lauree specialistiche universitarie delle professioni sanitarie”

D.M.16 marzo 2007 “Determinazioni delle classi di lauree universitarie”

Il rischio cardio-oncologico: ecco le armi per contrastarlo Tutto Sanità Puglia 22 giugno 2013 http://www.tuttosanita.it/ts/notizie/visualizzazione.asp?Tabella=StoricoInterventi&ID=31980

La necessità imprescindibile delle umanizzazione delle cure Tutto Sanità Puglia on line 4.11.2013 http://www.tuttosanita.it/ts/include/default.asp . Cartaceo n°152 Ottobre 2013 pag. 26-30